GESTIONE DEI TRACCIATI

PIANIFICAZIONE EFFICIENTE DEI TRENI

Il trasporto ferroviario richiede una pianificazione a lungo termine di tutte le risorse operative: i tracciati devono essere ordinati al gestore della rete e la disponibilità dei veicoli e del personale deve essere controllata tempestivamente. Allo stesso tempo, le condizioni di volatilità, come le modifiche dei tracciati a breve termine, pongono i pianificatori e i disponenti di fronte a sfide. La gestione integrata dei tracciati in IVU.rail li supporta nella gestione di questo compito estremamente complesso. Consente di visualizzare in IVU.rail il tracciato attuale che è stato pianificato e pubblicato dal gestore della rete e di integrarlo nella pianificazione operativa degli orari e dei turni macchina.

Il modulo consente di importare i tracciati in IVU.rail attraverso le interfacce senza che sorgano conflitti di blocco, indipendentemente dal fatto che i relativi dati dell’orario siano o meno in corso di elaborazione. Il sistema supporta già i futuri standard europei TAF/TAP TSI per la digitalizzazione delle applicazioni dei tracciati.

Allo stesso tempo, il sistema fornisce una cronologia dei tracciati. Aiuta i pianificatori ad analizzare le modifiche dei tracciati, ad esempio tra i tracciati ordinati e quelli ricevuti o nel caso di aggiornamenti dei tracciati causati da cantieri, prima di trasferirle ai treni pianificati.

Inoltre, una gestione integrata dei conflitti mostra ai pianificatori i conflitti tecnici tra il treno e il tracciato pianificato, come le restrizioni di formazione, il peso massimo consentito o altri requisiti infrastrutturali. Per rendere tracciabili le modifiche, i pianificatori degli orari possono determinare manualmente se desiderano adattare il treno e le sue corse al nuovo tracciato. L‘adattamento stesso avviene automaticamente, risparmiando così una procedura manuale, che è soggetta a errori e richiede molto tempo. Nell’assegnazione dei veicoli, la visualizzazione grafica mostra automaticamente a colori gli eventuali conflitti e li filtra. Ciò consente anche ai disponenti nella centrale di controllo di essere sempre informati sulle situazioni di conflitto in corso.